IV Arr - www.parigiluoghiinsolitiecuriosi.com

luoghi insoliti e curiosi
Graziella Martina
Parigi
di
Vai ai contenuti

  
IV arrondissement

                                                                      I ponti


“I ponti,  
accendendosi per un malvagio movimento,  
insorgeranno insieme dai lati di Parigi.  
Cominceranno la rivolta  
al primo appello,  
disseminando i passanti sulla pietra
dei piloni.”


scriveva Majakovskij nelle sue Opere, sensibile al tormento delle masse povere e diseredate e al loro agitarsi nell’assurdità degli immensi agglomerati cittadini, ma altrettanto pronto a satireggiare i passanti invasori che disturbano il lento fluire del fiume.
Dei trentadue ponti di Parigi, ben undici si trovano nel IV arrondissement. Il ponte di Sully, quello de la Tournelle, il ponte Marie, il ponte Saint-Louis, il ponte Louis-Philippe, il Pont-au-Double, il ponte d’Arcole, il Petit Pont, il ponte Notre-Dame, per non parlare dei due che si trovano al confine con il primo arrondissement, il ponte Saint-Michel e il ponte au Change.  
Fino a metà ottocento, sulla Senna operavano ancora i traghettatori, che portavano da una sponda all’altra cose e persone. In quel secolo, vi erano molte inaugurazioni di ponti con cerimonie fastose e spettacoli in strada. Allora, i ponti erano di legno, costeggiati di piccole case, come il Ponte Vecchio di Firenze. Spesso erano distrutti da incendi, a volte di proposito, come nel 1739, quando Luigi XV li ha fatti distruggere insieme alle case che sorgevano su di essi.

Chiesa di Saint-Merri
Rue Saint-Martin, 78
Métro Hôtel-de-Ville

Nel VI secolo, nella piccola cappella di Saint-Pierre-des-Bois, che sorgeva sull’area di questa chiesa, era stato inumato il monaco benedettino Médéric o Merri, che aveva compiuto molti miracoli sia da vivo che da morto. Per dargli una sede più degna, è stata successivamente edificata una bella chiesa dedicata a lui. La chiesa si trovava al centro di un quartiere del vizio e, per cercare di limitare il numero di dévergondées (scostumate), San Luigi aveva ordinato di raggrupparle in alcune vie prestabilite. Nel 1367, Hugues Aubriot, capo della polizia di Parigi, facendo riferimento all’ordinanza di San Luigi, aveva ordinato che le femmes debauchées, per tenere bordello andassero a vivere nelle nove vie indicate nella sua ordinanza. Fra di esse c’erano: la via dell’Abreuvoir de Mascon, l’abbeveratoio di Mascon, che si trovava a sud del ponte Saint-Michel, la via Glatigny, nella Cité, la via Champ-Flory, vicino al Louvre, la Court-Robert e la Baille-Hoe. Le donne che fossero state trovate ad abitare e a tenere bordello altrove dovevano essere arrestate, imprigionate allo Châtelet e poi espulse da Parigi. Poiché le due ultime vie sopra citate si trovavano molto vicine alla chiesa Saint-Merri, il suo parroco ha ottenuto che le dévergondées ne venissero allontanate. Ma i commercianti si sono immediatamente lamentati che gli affari ne risentivano. Il parlamento ha dato loro ragione e le debosciate sono tornate. Nel XV secolo, Parigi contava circa seimila ribaudes, che formavano una corporazione riconosciuta con i suoi regolamenti, i suoi statuti, i suoi privilegi, i suoi giudici e la sua patrona, santa Maddalena.  
La facciata di questa chiesa di stile gotico, che si trova a sud del Centre Pompidou, è decorata da altorilievi prominenti di mostri. Essa si è creata una bella fama musicale, grazie ai suoi concerti di musica classica e ai suoi canti corali di qualità.

Rue Pierre-au-Lard
Métro Rambuteau

Al tempo di Filippo Augusto questa via si chiamava rue Neuve-Saint-Merri, ma, durante la Rivoluzione, le lettere ‘St.’ sono state grattate via. Via Pierre-au-Lard, che risale al XIII secolo, non ha niente a che vedere con il lardo, ma è la trasformazione del nome Pierre Oilard, un ricco signore borghese che nel 1400 abitava in questa zona. All’angolo con via St. Merri si vede ancora il suo nome inciso.  
Molte vie di Parigi – la maggior parte di esse si trova nel I arrondissement - hanno nomi di attività e di mestieri. Rue du Boucher, è la via del macellaio, rue des Déchargeurs, è la via degli scaricatori e rue des Orfèvres è la strada degli orafi. La loro corporazione aveva uno scudo con i segni araldici e un motto che ricordava i due grandi scopi iniziali dell’oreficeria, l’ornamentazione delle corone e quella dei vasi sacri. Rue de la Verrerie è la via delle vetrerie e rue de la Ferronnerie è la via degli oggetti di ferro. Quest’ultima porta il suo nome dal 1229, quando era larga solo 4 metri. Venerdì 14 maggio 1610 Ravaillac, venuto a piedi da Angoulême, vi ha assassinato Enrico IV.
Attorno alle Halles, che un tempo erano un immenso bazar dove si potevano comprare il pane, la frutta, le uova, la carne, ma anche i vestiti, i cappelli, gli specchi, ci sono la via delle Lavandières, le lavandaie, che risale al 1244 e la via della Lingerie, ovvero dei negozi di biancheria e delle stirerie.

Place de l’Hôtel de Ville
Métro Hôtel de Ville

Fino al XII secolo, sull’area della piazza dell’Hôtel-de-Ville c’era solo il greto in pendenza del fiume, sul quale si svolgevano il commercio e il vettovagliamento della città. Nel 1141, Luigi VII ne ha venduto una parte ai mercanti per fare un porto dove scaricare il vino, il grano, la legna, il carbone, il sale e altro.  
Nel 1357 Etienne Marcel, capo dei commercianti e membro dell’istituzione municipale che era stata creata nel 1246 da San Luigi, ha installato la sede delle riunioni dell’amministrazione in un Hôtel della Place de Grève, la piazza del Greto. Era un edificio di due piani e con due torrette agli angoli, situato, come quello attuale, sul lato est della piazza. E’ stato il primo Hôtel de Ville, il palazzo simbolo della capitale, ricostruito fra il ’500 e il ’600 e dato alle fiamme nel 1871 durante la Comune, che vi si era installata. A metà ottocento, place de Grève è stata ingrandita da Haussmann, che ha raso al suolo le vie che la circondavano e l’edificio attuale del municipio è della fine dell’800.
Il meraviglioso Salon d’accueil e la Sala Saint-Jean dell’Hôtel de Ville, in Rue de Lobau e rue de Rivoli 29, ospitano molte esposizioni sui temi più vari. Chi è interessato alla musica lirica può trovare, ad esempio, una mostra dedicata a Maria Kalogeropulos, ovvero Maria Callas, la soprano greca con la voce dall’estensione poco comune e dal grande talento, che è morta proprio qui a Parigi nel 1977; chi è interessato all’antiquariato, può trovare una mostra sul mobile antico nei diversi stili… Spesso l’ingresso è gratuito.  

Chiesa Saint-Gervais Saint-Protais
Chiesa dei Santi Gervasio e Protasio
Place Saint-Gervais
Métro Hôtel-de-Ville

Dietro all’Hôtel de Ville c’è una chiesa dedicata ai martiri Gervasio e Protasio, forse suppliziati sotto Nerone nell’anno 40. Nel 386, per ispirazione divina, come racconta lui stesso nell’Epistola alla sorella Marcellina, S. Ambrogio ha scoperto i loro corpi, che si trovavano nei pressi della basilica milanese dei Ss. Felice e Nabore. Il vescovo li ha raccolti e li ha deposti solennemente sotto l’altare della chiesa, che oggi porta il suo nome. Nel Medioevo, i due santi avevano un culto popolarissimo in tutta Europa.  
La costruzione della chiesa dedicata a loro è iniziata alla fine del ’400 ed è durata due secoli. Per questo presenta molti stili, fino a quello greco-latino della facciata, la cui prima pietra è stata posata da Luigi XIII nel 1616. Voltaire l’ha definita un capolavoro. La statua di San Gervasio è quella sulla sinistra della facciata, San Protasio è a destra, mentre sopra ci sono gli Evangelisti.  
L’olmo sul sagrato della chiesa, piantato nell’800 e circondato da zoccoli di pietra uniti da una catena, ricorda quello di un tempo, la cui linfa rossa simboleggiava il sangue dei martiri. Con la sua scorza, strappata di nascosto nottetempo, si facevano decotti per la febbre. Alla sua ombra gli abitanti del quartiere avevano preso l’abitudine di radunarsi, in particolare per regolare i conti. Da qui è nata l’espressione “Attendez-moi sous l’orme”, che era entrata nella parlata comune, come da noi si usa quella “Dietro al convento dei Carmelitani scalzi.”. L’albero secolare è stato abbattuto durante la Rivoluzione ed è servito alla costruzione di affusti di cannone.  
L’olmo è riprodotto anche sulle decorazioni al centro delle ringhiere di ferro battuto dei balconi dell’edificio che va dal n° 2 al n° 14 di rue François-Miron, costruito sotto Luigi XV ed è scolpito sui quattro stalli di legno del coro. La chiesa è affidata alla Fraternité Monastique di Gerusalemme, la cui sede principale è a Vezelay.

Les Compagnons du Devoir
Place Saint-Gervais
Métro Hôtel-de-Ville

Dietro alla chiesa Saint Gervais-Saint Protais c’è la sede della confraternita di artigiani detta Les Compagnons du Devoir, dove sono conservate le opere più riuscite dei tagliatori di pietra, dei carpentieri, degli ebanisti e di altri lavoratori manuali. Sono i cosiddetti capolavori, i manufatti eseguiti per dimostrare il grado di abilità raggiunto, a conclusione del periodo di formazione professionale. Dopo il periodo di formazione passato qui, gli apprendisti artigiani vanno in altre città della Francia ed è in questo spazio di tempo che realizzano i loro capolavori, i più riusciti dei quali sono conservati qui. Chi è interessato ad avere spiegazioni sulla loro attività, può entrare e sarà accolto con gentilezza e cordialità.

Cloître des Billettes
Chiostro delle Billettes
Rue des Archives, 24
Métro Hôtel-de-Ville

Il chiostro si trova di fronte alla Square S.te Croix-de-la-Bretonnerie e risale al 1427. E’ il più antico di Parigi, l’unico rimasto del periodo gotico, addossato alla chiesa ricostruita nel XVIII secolo, ed è un resto del convento dei carmelitani, che sorgeva attorno ad esso. Questo ordine religioso, nato nel 1150 da una comunità di eremiti radunati sul monte Carmelo, in Palestina, era giunto in Europa nel 1235. Il nome di questa chiesa che ospita una parrocchia luterana, il Temple des Billettes, è dovuto ai fratelli della Charité de Notre-Dame, che si erano stabiliti in questo luogo. Il chiostro ha una forma rettangolare, comprende sei arcate parallele all’asse della chiesa, tre in larghezza ed è utilizzato per mostre e concerti.

Thés Mariage Frères
Rue du Bourg-Tibourg, 30
Métro Hôtel-de-Ville

In questa traversa di Rue de Rivoli c’è un negozio con un vecchio bancone coloniale. Si chiama Thés Mariages Frères e vi si possono acquistare diverse varietà di tè provenienti da tutto il mondo. Ve ne sono a centinaia: lo Hyson, il Pekoe, il Souchong, il Bohea, il Fannings, il Pharaon, l’Elisir d’amour, con un incomparabile mélange di profumi, che evocano alla mente la frase di Jaques Chardonne: “Les thés de Chine qui gardent un fin parfum de laque, ceux de Formose, presque incolor…”. Il salon de tè è molto frequentato all’ora del brunch.  
Al primo piano c’è un piccolo museo, allestito, alla maniera di altri musei di Parigi, direttamente dalla ditta che commercia il prodotto, la Maison Mariage Frères. Si può vedere ricostruito il percorso delle preziose foglioline, dalle lontane piantagioni alla nostra tavola. Nel XVII secolo, i due fratelli Nicolas e Pierre Mariage avevano attraversato i continenti per andare alla ricerca della materia prima e per sottoscrivere gli acquisti.  
C’è una bella collezione di scatole dipinte a mano provenienti dall’Oriente, ci sono le bilance e gli altri strumenti per pesare il tè, i filtri, i colini di ogni forma e materiale, le raffinate teiere e gli eleganti servizi in porcellana. Nel corso della visita, vi verranno date spiegazioni sui luoghi in cui viene coltivato il tè, sul modo di raccoglierlo e su quello giusto per prepararlo e servirlo.

Eloisa e Abelardo
Quai des Fleurs, 9
Métro Hôtel-de-Ville

L’amore tra Pietro Abelardo, professore di teologia e logica a Parigi, ed Eloisa, sua allieva, nipote del canonico Fulbert, cappellano di Enrico I, è uno dei più famosi e disgraziati del Medioevo. Abelardo, vittima della vendetta dello zio di lei, che lo ha fatto evirare, si è fatto monaco, Eloisa è tornata nel monastero di Argenteuil, dove era stata educata. Le loro lettere in latino sono raccolte nel famoso epistolario e, in una parte di esse, intitolate Historia calamitatum mearum, Storia delle mie disgrazie, Abelardo racconta il suo amore sfortunato. La sua vita movimentata è passata fra congiure e attentati, come racconta lui stesso: “…tentarono di avvelenarmi persino durante la messa, mettendo del veleno nel calice.”  
Abelardo ha subito processi per apostasia. Egli non accettava la fede cieca e riteneva la ragione necessaria alla fede perché, diceva, non si può credere se non a ciò che si intende: intelligo ut credam. Ha cercato di penetrare con la ragione anche le verità più proprie della fede, ma la sua fiducia nelle forze della ragione non era condivisa dai filosofi, teologi e religiosi del tempo. Fra di essi, il suo nemico più acerrimo è stato Bernard de Clairvaux, l’abate Bernardo di Chiaravalle, che condannava le teorie di Abelardo, in particolare quella sulla trinità divina. Nel 1121, al concilio di Soissons, il libro di Abelardo sulla Trinità, il Tractatus de unitate et trinitate divina, gli è valsa una condanna ed è stato bruciato pubblicamente (a proposito di questo trattato, di fronte al mausoleo al cimitero di Père Lachaise c’è una scultura in pietra che vi fa riferimento). Nel 1140, Abelardo è stato definito eretico e nemico della Chiesa da un sinodo di vescovi riuniti a Sens e, poco dopo, è stato anche scomunicato dal papa. E’ stato accolto da Pietro il Venerabile nell’abbazia di Cluny, in Borgogna, dove è morto il 21 aprile del 1142. La sua salma è stata portata di nascosto al Paracleto, a Troyes, dove, nel 1129, egli aveva fondato un convento femminile del quale Eloisa era stata la prima badessa.  
Eloisa è morta ventidue anni dopo, alla stessa età di Abelardo, e il suo corpo è stato deposto nella bara di lui. Nel ’600 una monaca ha fatto separare le loro ossa, per collocarle in due bare diverse. Nel 1845, le loro spoglie sono state traslate al Père-Lachaise, dove sono uniti per l’eternità. La loro tomba è una delle più visitate ed è sempre piena di fiori freschi.
Accanto a Notre-Dame, al numero 9 del Quai aux Fleurs, sull’Ile de la Cité, c’è una targa marmorea che dice: “Ancienne habitation d’Héloïse et d’Abélard, 1118. Rebatie en 1849.” La casa, che non conserva più alcuna traccia del periodo medioevale, sorge sul luogo di quella in cui ha avuto origine la passione dei due amanti. Sulla porta d’ingresso vi sono due medaglioni in legno e ferro battuto che raffigurano i due amanti.

Rue du Trésor
Rue Vieille-du-Temple, 26
Métro Saint-Paul

Rue du Trésor, Via del Tesoro, oggi costeggiata da siepi, aiuole e dai tavolini di un caffè, si chiama così perché nel 1882, mentre erano in corso dei lavori, vi è stato trovato un tesoro. Si stava demolendo l’Hôtel d’Effiat, quando, fra le macerie, è affiorato un sacco di cuoio pieno di monete d’oro. C’erano dei franchi di re Giovanni il Buono e dei franchi di Carlo V.
Nelle intenzioni iniziali, rue du Trésor doveva collegare rue Vieille-du-Temple a rue des Ecouffes. In realtà, essa è rimasta un vicolo cieco, in fondo al quale c’è una fontana, costruita nel XIX secolo. Di fianco ad essa c’è una porta oggi chiusa, che in passato permetteva ai pedoni, attraverso a una galleria, di arrivare a rue des Ecouffes.
Il museo Carnavalet ha acquistato una parte delle monete ritrovate, insieme al sacco che le conteneva e chi si interessa di numismatica le può vedere esposte in una delle sue vetrine.

Au Petit Fer à cheval
Rue Vieilles-du-Temple, 30
Métro St. Paul

Petits bistrots de chez nous, où trois bougres rigolent en sifflant du piccolo’ scriveva il romanziere francese Duhamel, attento osservatore dei frequentatori dei bar. E la capienza di questo bistrot conviviale di rue Vieille-du-Temple, nel cuore del Marais, non supera di molto quella dei tre allegri avventori descritti da Duhamel, che scherzano e suonano il flauto.
Il nome Fer à cheval deriva dalla forma del bancone del bar, che è la stessa della lama metallica che protegge l’orlo plantare dello zoccolo del cavallo. Fabbricato agli inizi del ’900, è l’ultimo rimasto dei tempi in cui non era così raro trovarne di simili nella capitale. Il bistrotier gira come una trottola all’interno del bancone a semicerchio, per raccogliere le ordinazioni. È un locale particolare, con un’atmosfera cordiale, aperto tutti i giorni dell’anno dalle 9 alle 2 del mattino. Purtroppo, date le dimensioni, diventa facilmente affollato. Per il resto è l’ideale per venire a bere il ‘bicchiere della staffa’. Da mezzogiorno all’una di notte c’è anche il servizio di ristorante.

Musée de la Curiosité et de la Magie
Museo della Curiosità e della Magia
Rue St. Paul, 11
Métro Saint-Paul

L’illusionismo e i giochi di prestigio sono stati praticati sin dall’antichità. A Roma erano famosi i calcularii o acetabularii, gli odierni giocatori di bussolotti, così denominati dalle pietruzze o coppe di cui si servivano. Nel 1066 la lex salica ha proibito la magia e i contravventori rischiavano di finire al rogo, ma nel Rinascimento, gli escamoteurs (dipinti anche da Ieronimus Bosch) hanno ripreso a dar spettacolo nelle piazze e nelle fiere. Poi l’illusionismo è passato nei salotti e nei teatri ed è diventato una professione onorevole.
Nelle sale dal soffitto a volta di questo museo, il cui logo è una donna in abito lungo che levita attraverso la G di Magie, sono raccolti molti oggetti insoliti, illusioni e curiosità. Vi sono gli automi fabbricati da Robert-Houdin, autore del libro: Confidences et révélations: comment on devient magiciens; quelli animati, come la sfinge con il dono della chiaroveggenza, che porge le risposte scritte con due mani che escono all’improvviso dall’interno della cassa; vi sono oggetti misteriosi; macchine e giochi di illusione ottica; manifesti policromi dell’800; apparecchi scientifici; oggetti truccati di legno o di metallo; misteriosi quadri a doppio effetto; specchi magici dentro ai quali le cose e le persone appaiono e scompaiono… Vi sono anche oggetti dai nomi molto evocativi, come la valigia delle Indie e i vecchi trucchi, come la cassa usata negli anni ’20 da Howard Thurston per segare in due una donna.
Oltre a raccogliere gli oggetti, gli indumenti e gli strumenti dei maghi, il museo offre anche degli spettacoli di prestidigitazione, con giocatori la cui destrezza delle mani e delle dita e i movimenti del corpo per mascherare l’operazione, non permettono di scoprire i loro trucchi neanche da vicino. I visitatori sono accompagnati nel loro percorso da animatori, che commentano via via gli oggetti. ‘Il più insolito dei musei parigini’, come dice il dépliant.

Il muro di cinta di Philippe Auguste
Rue des Jardins Saint-Paul
Métro Saint-Paul

Rue des Jardins Saint-Paul conserva i resti del muro di cinta fatto costruire da Filippo Augusto, re di Francia, fra il 1190 e il 1213. Davanti all’entrata del liceo Charlemagne - al posto del quale, nel 1264, San Luigi aveva fondato un convento per le beghine e nel 1480, Luigi XI un monastero di clausura detto dell’Ave Maria, le cui suore, velate, andavano tutto l’anno a piedi scalzi e che durante la Rivoluzione, è diventato una caserma prima di essere in parte ceduto alla scuola - c’era la porta Saint-Antoine, che faceva parte del muro di cinta. I resti della fortificazione, lunghi una settantina di metri, pur essendo più bassi di quanto erano in origine, perché hanno perso la merlatura, sono molto ben conservati. Nel muro sono incorporate due torri tozze e robuste, a pianta circolare, che sporgono dal filo delle mura. Quella che si trova all’angolo di rue Charlemagne si chiama Montgomery, perché vi è stato imprigionato il conte che aveva ferito a morte il re Enrico II durante il torneo in rue Saint-Antoine. L’edificio di fronte, dove si trova il liceo Charlemagne, nel 1762 era stato dato ai Genovefains, prima che il Parlamento decretasse l’espulsione dei Gesuiti.
Rue Saint-Antoine aveva la stessa ampiezza di oggi già nel medioevo e veniva scelta come luogo di passeggiate, di tornei e per l’arrivo in pompa magna dei sovrani, come è avvenuto il 26 agosto 1660 per l’ingresso di Luigi XIV e di Maria Teresa. In queste occasioni le case lungo il percorso erano decorate con drappi e arazzi.

Case medioevali
Rue Miron, 11 e 13
Métro St. Paul

Le case medioevali di Parigi avevano il piano terra costruito con pietra locale e sormontato da travi di legno sulle quali poggiava un’intelaiatura lignea detta à colombage, i cui interstizi erano riempiti di ciottoli coperti di gesso, che dava alla città un grande biancore. Nel XV secolo, le case avevano due, tre o quattro piani, generalmente sporgenti gli uni sugli altri, con un pignone in alto, che dava alle file di tetti un aspetto a denti di sega. Spesso le case avevano una sola finestra per piano, che si affacciava sulla strada e, fino al XVIII secolo, erano senza grondaia.
Su rue Miron, la via che inizia in piazza St. Gervais, vi sono due belle case del XV secolo, con le travi di legno sulla facciata e il coronamento triangolare in alto. In particolare quella al n° 13, costruita in aggetto su rue Cloche-Perce, con la parete sporgente dal corpo della costruzione, è uno degli edifici più belli della vecchia Parigi.
Sulla stessa via, al n° 30, vi è il negozio Les mondes des épices-Eau de vie et vins du Monde con spezie e prelibatezze da tutto il mondo.

Maison Européenne de la Photographie
Casa Europea della Fotografia
Rue de Fourcy, 5-7
Métro Saint-Paul, Pont-Marie

La casa europea della fotografia ha sede in un magnifico palazzo del settecento, fatto costruire da Henault de Cantobre e ospita esposizioni permanenti e temporanee delle opere di grandi fotografi. Vi sono inoltre dei dilettanti e dei professionisti che rispondono alle domande dei visitatori e degli appassionati ed elargiscono consigli, spiegazioni e pareri basati sulla propria esperienza.
C’è una vasta biblioteca di consultazione formata da dodicimila libri, una videoteca, un auditorium, utilizzato per le mostre, e dei laboratori di ricerca dedicati alla creazione di immagini. Si allestiscono delle mostre utilizzando la collezione di quindicimila opere dal dopoguerra ad oggi, di proprietà del museo.

Rue des Rosiers
Métro St Paul

Il nome di rue des Rosiers è dovuto ai roseti dei giardini vicini e compare già in alcuni documenti del 1230. Essa costeggiava l’interno del bastione del muro di cinta di Luigi Filippo, i cui resti sopravvivono ancora ai numeri 8, 10 e 14.
Rue des Rosiers attraversa il più antico quartiere ebraico di Parigi. All’inizio del secolo, gli ebrei che hanno trovato rifugio qui provenivano soprattutto dall’Europa dell’Est, mentre l’ultima ondata immigratoria, quella del 1962, proveniva dall’Algeria. Nelle strade si sente parlare yiddish e nelle vetrine si vedono i candelabri a sette bracci. Vi sono alcune pasticcerie, che vendono il pane scuro, che in Francia è raro, e ristoranti kosher.

Chiesa dei Blancs-Manteaux
Rue des Blancs-Manteaux, 12
Métro Hôtel-de-Ville

Nel 1258, di ritorno dalla prigionia in Oriente, san Luigi aveva installato un ordine di frati mendicanti dal mantello bianco, chiamati les Serfs de la Vierge, i Servi di Maria o Serviti nell’attuale rue des Blancs-Manteaux. L’ordine religioso era stato istituito nel 1233 a Firenze da sette mercanti che, dopo aver abbandonato gli affari, si erano ritirati a Monte Senario, vicino a Firenze, per condurre una vita di preghiera, di penitenza e di culto alla Vergine. Nel 1593 i Servi di Maria, a cui apparteneva anche Paolo Sarpi, si sono divisi in due rami, il secondo dei quali ha preso il nome di Serviti eremitani. Il convento degli Ermites de Saint-Guillaume - chiamati dai Parigini Guillemites - era molto grande e comprendeva, oltre all’edificio conventuale, una cappella e un giardino. Nel 1785, una parte dell’edificio è stata assorbita dal Monte di Pietà.
La cappella ha un pulpito bavarese in stile rococo, intarsiato d’avorio e due celebri tele L’adorazione dei pastori e la Moltiplicazione dei pani, che formano un bell’insieme del XVII e del XVIII secolo.

Mont de Piété
Monte di Pietà
Rue des Francs Bourgeois, 55
Métro Rambuteau

Nel medioevo, la parte centrale di via des Francs-Bourgeois era chiamata des Poulies, a causa delle pulegge usate dai tessitori che vi lavoravano. Il suo nome attuale, invece, è dovuto a una maison d’aumone, letteralmente ‘casa dell’elemosina’, aperta all’inizio del XVI secolo, che ospitava una cinquantina di persone povere, che, per questa loro condizione, erano francs, franchi, cioè liberi da ogni tassa e gabella.
Il Monte di Pietà sorgeva accanto alla chiesa di Nostra Signora dei Bianchi Mantelli, in un palazzo del ’700. L’istituzione benefica accordava prestiti su pegno di beni mobili, senza fini di lucro. Oggi, il benessere diffuso ha reso meno acuta l’esigenza di ricorrere a questa risorsa e l’ente si chiama Credit Municipal, ma la sua funzione è rimasta la stessa.
Nella bacheca a sinistra dell’ingresso c’è il calendario delle Ventes aux enchères publiques e su entrambi i lati del portone il motto liberté, égalité, fraternité.
Di fronte al Monte di Pietà c’è un bel negozio dal nome Les Touristes, che, fra le altre cose, espone oggetti risalenti agli anni ’50: saponi al burro di cacao della Valobra di Genova; boccette di eau de toilette 80 volumi ‘Lido di Venezia’; spezie; cuscini; borse; vestaglie; aquiloni; ceramiche e altri oggetti curiosi da tutto il mondo.
Nel cortile del n° 57 di questa via ci sono le vestigia di una torre del recinto di Filippo Augusto.

Hôtel-Dieu
Piazza del Parvis-Notre-Dame
Métro Cité

A partire dal 660, anno della fondazione dell’ospedale Hôtel-Dieu da parte di St. Landry, vescovo di Parigi, i canonici avevano l’obbligo, alla propria morte, di donare all’ospedale le risorse necessarie per installarvi un letto. Più tardi, il Reggente prelevava una tassa sugli incassi degli spettacoli, detta del “diritto del povero”, a beneficio dell’ospedale. La mortalità colpiva il 20 % degli ammalati, in ogni letto dormivano due, quattro, a volte anche sei persone e si diceva che in ogni branda ci fossero un malato, un moribondo e un morto.  
Alla metà del ‘600, i suoi malati sono serviti alla marchesa di Brinvilliers - passata alla storia come una delle più grandi avvelenatrici di tutti i tempi - per sperimentare i dosaggi dei suoi veleni, forniti dal cavaliere Godin, suo amante, che le aveva apprese da un italiano di nome Exili conosciuto alla Bastiglia. Dopo aver messo a punto il giusto dosaggio di arsenico, vetriolo e veleno di rospo, la marchesa, dama di carità, ha avvelenato prima il padre, poi il fratello maggiore, poi quello minore e infine il marito, Antoine Gobelin, conte di Brinvilliers. E’ stata arrestata in un convento olandese, dove si era rifugiata e ha dovuto fare onorevole ammenda sulla piazza di Notre-Dame, a piedi nudi, con una corda al collo e una pesante torcia ardente in mano. E’ stata condannata alla decapitazione e il giorno dell’esecuzione gli spettacoli erano stati sospesi perché gli abitanti di Parigi erano andati tutti ad assistervi.  
L’ospedale è stato costruito fra il 1868 e il 1877 e nel cortile interno, sempre aperto, c’è un enorme giardino a terrazza circondato da un colonnato. Di fronte sorgeva la piccola chiesa Saint-Pierre-aux-Boeufs, il cui nome, secondo la tradizione, ricorda i due buoi che un mattino in cui il Santissimo Sacramento veniva portato in processione fuori dalla chiesa, si erano inginocchiati insieme ai passanti, prima di essere portati al mattatoio. Il suo portale è nella chiesa di Saint-Séverin.

Museo di Notre-Dame
Rue du Cloître-Notre-Dame, 10
Métro Cité

Sul luogo in cui sorge la chiesa di Notre-Dame i Romani avevano edificato un tempio dedicato a Giove, alcune pietre del quale, ritrovate negli scavi del ‘700, sono esposte al museo lapidaire. Il vescovo di Parigi, Maurice de Sully, ne aveva deciso la costruzione e il papa Alessandro III, nel 1163, ne ha posato la prima pietra. La costruzione, durata 75 anni, è una transizione dal romanico al gotico, “une greffe de l’ogive sur le plein cintre”, (un innesto dell’ogiva sugli archi a tutto sesto) come ha scritto Victor Hugo. Sotto Luigi XIV sono state apportate notevoli modifiche all’edificio sacro. Durante la Rivoluzione, sull’altare maggiore brillava la fiaccola della libertà e le statue della facciata erano state tirate giù tutte. Quando Notre-Dame è stata restituita al culto nel 1802 era in condizioni pietose, tanto che vi sono stati appesi degli arazzi e degli addobbi per mascherare i danni in occasione dell’incoronazione di Napoleone I Imperatore.  
Nel 1831, dopo che il libro di Victor Hugo, Notre-Dame-de-Paris ha sensibilizzato l’opinione pubblica, la Camera ha stanziato la somma di 2.500.000 franchi per il restauro, che è durato venticinque anni. Nel 1871, nel periodo della Comune, la cattedrale ha rischiato di nuovo di scomparire per un incendio.  
Per chi voleva conoscere la storia della cattedrale c'era un piccolo museo, oggi purtroppo chiuso. Le tre piccole sale contenevano oggetti collegati ai momenti importanti della storia della chiesa. C'erano disegni originali; quadri; incisioni che raffiguravano i dintorni di un tempo; due api di bronzo dorato che rappresentavano tutto ciò che rimane delle sontuose decorazioni preparate per l’incoronazione di Napoleone I°; un antichissimo monogramma di Cristo in vetro; la bella console dell’organo usato fino alla metà del Novecento.  

Sainte Chapelle
Boulevard du Palais, 4  
Métro Cité

Non è un luogo sconosciuto, ma è una chiesa talmente bella che è d’obbligo andarci, avendo l’accortezza di farlo la mattina presto, prima che arrivino i turisti. E’ un bell’esempio di gotico francese, con la struttura muraria ridotta al minimo per dare più spazio alle vetrate di grande effetto artistico e ornamentale, che avvolgono l’interno di luce colorata. I frammenti vitrei hanno colori brillanti con predominanza di rosso e di blu e raffigurano alcune scene della Genesi, del Vecchio Testamento e della vita di Cristo.  
La Sainte Chapelle è stata voluta da Luigi IX per ospitare la corona di spine e un pezzo della Croce provenienti da Bisanzio.  
La sera vi si svolgono molti concerti, segnalati da un cartello posto all’ingresso.

Casa medioevale del XX secolo
Rue des Chantres, 1 ang. rue des Ursins

Nel 1958, l’architetto Fernand Pouillon ha costruito, a due passi da Notre-Dame, a un livello inferiore rispetto al lungosenna, una bella casa ‘medioevale’. Egli ha utilizzato alcune parti della vecchia casa preesistente e ne ha aggiunti altri, di diversa origine ma dello stesso periodo, come le vetrate, le inferriate lavorate, la torre che ospita la tromba delle scale, le due finestre a crociera e la porta su rue des Ursins, con un risultato d’insieme molto bello.

Rue Chanoinesse, 26

A Digione la chanoinesse è il nome di un piccolo pan pepato. A Parigi è il nome di una strada che costeggia il chiostro di Notre-Dame e arriva in rue d’Arcole. Fino al XVIII secolo, in questa via c’erano gli alloggi dei canonici, alcuni dei quali, al n° 22 e 24, sono rimasti. Sulla facciata di quest’ultimo è stata applicata quella della bottega di un mercante di vini.  
Per costruire il marciapiede del cortile al n° 26 sono state riutilizzate delle pietre tombali, sulle quali si vedono ancora le iscrizioni. Anche le colonne che circondano il cortile sono state recuperate altrove e collocate qui.




Square Tino Rossi
Quai Saint-Bernard
Métro Jussieu

Il giardino Tino Rossi - la lingua di verde fra la Senna e il quai Saint-Bernard - è un museo di sculture moderne all’aria aperta, che si visita passeggiando piacevolmente sul prato.
Le sculture di marmo, di bronzo e di ferro di artisti stranieri contemporanei si stagliano sullo sfondo delle imbarcazioni che solcano il fiume e di alberi molto belli, fra i quali le magnolie e i ciliegi.

Place des Vosges
Métro Saint Paul, Chemin Vert

Il suo abitante più illustre,Victor Hugo, ha scritto: “E’ stato il colpo di lancia di Montgomery a creare la place des Vosges.” Gabriel de Montgomery era il capitano della guardia scozzese di Enrico II. Nel corso di un torneo di tre giorni, il grand carrousel, dato dal re in occasione del matrimonio della sorella, ha ferito mortalmente il sovrano, che è morto dieci giorni dopo, malgrado le cure del celebre anatomista Vésale, venuto da Bruxelles e che, per decidere le cure, faceva esperimenti sui crani di condannati a morte decapitati per l’occasione.  
Fino ad allora, Parigi non aveva una piazza spaziosa, adatta alle feste e ai tornei, perciò si è deciso di trasformare in una piazza quello che era il mercato dei cavalli. I criteri architettonici sono stati stabiliti dal re Enrico IV, che ha voluto il proprio padiglione più alto degli altri palazzi e decorato con motivi simbolici. Per l’inaugurazione della Place Royale, come si chiamava allora, 1300 cavalieri hanno eseguito una successione di balletti e di evoluzioni davanti a 10.000 spettatori, mentre centinaia di musicisti suonavano. La sera, dalla piazza è partita una fiaccolata, che ha percorso le vie della città, mentre alla Bastiglia esplodevano i fuochi d’artificio.  
La casa-museo di Victor Hugo, nella quale, insieme ai mobili, alle sculture, ai dipinti e ai ritratti sono conservate le penne d’oca con cui egli ha scritto I Miserabili, si trova al n° 6. Lo scrittore ci ha vissuto dal 1832 al 1848 e ha composto, fra le altre opere, Lucrezia Borgia, Maria Tudor, Angelo, Ruy Blas, I canti del crepuscolo, Le voci interiori e Gli ultimi giorni di un condannato.  
Al n° 8 abitavano Théophile Gautier e Alphonse Daudet. Il giardino della piazza, che un tempo era circondato da una bella griglia di ferro battuto dorato, contiene una curiosa statua equestre di Luigi XIII. Nel 1639, il cardinal Richelieu vi aveva fatto collocare una statua equestre a Enrico II, utilizzando un cavallo in bronzo ordinato da Caterina de’ Medici a un allievo di Michelangelo, che era sproporzionato rispetto alla statua.

Rue Pas-de-la-mule
Métro Chemin Vert

“Un banc de pierre, qui servait de montoir…” (Una panca di pietra, che serviva da montatoio) ha scritto Balzac. Rue-du-Pas-de-la-Mule, la via secentesca che inizia all’angolo nord occidentale di place des Vosges e taglia rue de Tournelles, deriva il proprio nome da un pas-de-mule, che vi si trovava, un montatoio per montare a cavallo. I montatoi consistevano in un blocco di pietra, in una struttura di ferro oppure in un ceppo o in una panca di legno.  
La casa di pietra situata al numero 5 è del tempo di Louis Philippe. Attraverso le finestre del primo piano si vede il soffitto con le travi a vista. Essa sorge sul luogo di un celebre cabaret del Seicento, la cui insegna era La Fosse-aux-Lions. L’attuale cortile interno, circondato da edifici del dopoguerra, era un punto di ritrovo di poeti goliardici e di grandi bevitori. Fra di loro c’erano Tallemant des Réaux, l’autore delle Historiettes, una raccolta di aneddoti piccanti e di ritratti del tempo di Luigi XIII e della reggenza d’Anna d’Austria, pubblicati nell’800; Vincent Voiture, lo scrittore, poeta e uomo di spirito, considerato l’anima dell’Hôtel de Rambouillet; Marc Antoine Girard, signore di Saint-Amant, autore di poemi realistici come les Goinfres, i Mangioni e le Melon, il Melone.

Hôtel Carnavalet
Rue de Sévigné, 23
Métro Saint-Paul, Chemin-Vert

Carnavalet è una deformazione di Kernevenoy, nome della vedova di uno scudiero di Enrico II, che lo ha acquistato nel 1572. Sulla facciata del palazzo, che è uno dei monumenti più antichi di Parigi ed è stato più volte rimaneggiato e arricchito, vi sono delle figure allegoriche e dei bassorilievi simbolici.  
Nel 1677 esso era stato dato in affitto a Mme de Sévigné che, subito dopo aver firmato il contratto, ha scritto alla figlia:“Grazie a Dio, abbiamo l’Hôtel Carnavalet”. Dopo una decina di traslochi, aveva finalmente trovato la casa che le conveniva e, per i diciannove anni successivi, non si è più mossa. Vi ha scritto buona parte del suo Epistolario, che costituisce una documento importante sulla vita degli aristocratici del XVII secolo. Gli episodi raccontati in un linguaggio preciso e pittoresco, ne fanno una sorta di cronaca del regno di Luigi XIV.  
Nel 1880 l’Hôtel Carnavalet è diventato il Museo Storico della Città di Parigi.

Le pietre della Bastiglia
Place de la Bastille, Square Henri-Gall, Bacino dell’Arsenale
Métro Bastille

Come ha scritto Vittorio Alfieri in una sua ode, dal 14 luglio del 1789 Parigi è sbastigliata. Del grande edificio quadrangolare con dieci torri, la cui costruzione presso la porta di Saint-Antoine era iniziata nel 1356, sotto il regno di Carlo V, con scopi militari, restano solo alcune tracce. Nel XVII secolo, sotto Richelieu, essa è diventata una prigione di Stato, nella quale finivano, con una lettera del re - la ‘lettre de cachet’ - prigionieri illustri, che potevano arredarsi la cella a proprio gusto, portare i domestici e ricevere visite. Fra di loro c’erano Fouquet, Voltaire, il cardinale Louis de Rohan, Cagliostro, il marchese de Sade, la Maschera di Ferro e Latude, condannato per aver cercato di sottrarre del denaro a Mme de Pompadour. Al museo Carnavalet è conservata la scala di corda con cui egli è riuscito a evadere.  
Il popolo di Parigi ha preso d’assalto la prigione perché la considerava un simbolo del dispotismo. Per demolirla sono stati impiegati ottocento operai e una parte delle pietre sono state usate per costruire il ponte della Concorde. Per indicare il luogo in cui sorgeva questa bastia, vi sono dei piccoli pavés quadrati all’inizio di rue Saint-Antoine.  
In square Henri-Gall, all’imbocco del canale Saint-Martin, c’è ancora un pezzo del vecchio muro del fossato della fortezza, che oggi fa da sostegno al boulevard Bourdon. Anche lungo il marciapiede della linea 5 del métro, in direzione Bobigny, vi sono alcune pietre che facevano parte del muro della controscarpa.

Hôtel de Sens
Bibliothèque Forney
Rue du Figuier, 1  
Métro Pont-Marie  

Rue du Figuier, via del Fico, esisteva già nel XIII secolo. Il suo nome è dovuto a un grande albero di fico, che si trovava al centro dell’incrocio posto davanti all’Hôtel des Sens. La regina Margot, moglie di Enrico IV, vissuta per un anno in questo palazzo, lo ha fatto tagliare nel 1605, perché la pianta impediva il passaggio della sua carrozza.  
Al n° 3 della via abitava il sarto di Luigi XI, del quale sono state ritrovate alcune fatture, al n° 7, nel XIII secolo, abitava uno dei marchesi di Conflans. Un giorno, il cardinale di Luynes gli ha detto : “La vostra famiglia è così povera che il mio gentiluomo caudatario è un Conflans.” Il gentiluomo caudatario era colui che reggeva lo strascico delle vesti prelatizie nelle cerimonie. Il marchese, con un arguto gioco di parole, gli ha risposto: “Questo non mi stupisce affatto, Eminenza, perché è da molto tempo che nella mia famiglia tiriamo il diavolo per la coda.”  
Il palazzo è stato fatto costruire nel XIV secolo dagli arcivescovi di Sens - la città di Sens si trova nell’arrondissement dello Yonne ed è famosa per la cattedrale gotica di Santo Stefano, una delle più antiche di Francia - da cui Parigi, che è stato un vescovado fino al 1622, dipendeva. E’ una delle più vecchie costruzioni della città, in stile gotico e Renaissance, per metà civile e per metà militare, con le torrette agli angoli per sorvegliare i dintorni. L’edificio è stato rimaneggiato nel XVII secolo e, quando gli arcivescovi lo hanno abbandonato, è stato occupato da artigiani e imprese commerciali.   Nel 1911 è stato acquistato dalla Città di Parigi, che nel 1961 lo ha destinato a ospitare la biblioteca di tecnica e arti decorative Fourney. Sul muro della facciata a est è ancora visibile una palla conficcatasi il 28 luglio 1830, nei giorni della rivoluzione.



Torna ai contenuti